Grattugia t.100 Campovalano (TE)

Grattugia in bronzo sbalzata a mano e traforata con punta quadrangolare.
Misure ricavate dal catalogo della mostra “Piceni popoli d’Europa; De Luca Editori d’Arte; 2000”.
Nelle sepolture è generalmente associata al consumo del vino, Omero (Iliade XI, 638) ne cita l’utilizzo per grattugiare il formaggio, da aggiungere ad una bevanda a base di vino, bevuta dagli eroi omerici (kykèion).

 

Evidenze storiche

Tomba 100, Necropoli di Campovalano, Museo Archeologico di Campli 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *